I media non ce la raccontano giusta sulle ragazze rapite in Nigeria: traduzione a 4 mani su #BringBackOurGirls

Articolo originale di Alexandra Hartmann su PolicyMic – Traduzione a cura di Agnes Nutter e Jinny Dalloway

I media non ce la raccontano giusta sulle ragazze rapite in Nigeria

di Alexandra Hartmann, 6 maggio 2014

Sono passate quasi tre settimane da quando decine e decine di ragazze sono state rapite in Nigeria, e i media internazionali sgomitano per avere per primi lo scoop, cercando un modo di coinvolgere il pubblico nella storia delle oltre 200 ragazze, rapite dai loro dormitori nel cuore della notte.

“[Stiamo] seguendo la vicenda in tutto e per tutto, da questo momento in poi… qualcuno deve pur farlo” ha tweettato il conduttore della CNN Jim Clancy. Un servizio sulla rivista [femminista, ndt] Ms. asserisce persino che “Le giovani nigeriane rapite siamo noi”.

E invece no, non siamo “noi”.

Il rapimento non è una “nostra” storia. Non è un esempio di scontro tra “il radicalismo islamico e la modernità”. Non è neppure per forza un esempio del penoso stato globale dei diritti delle giovani donne, visto che Boko Haram continua a bombardare e a massacrare indipendentemente dal genere sessuale delle vittime.

È un esempio di come, a causa del fallimento delle forze militari e governative nigeriane nel combattere questa insurrezione sempre più radicata, ci vadano di mezzo vite innocenti. È un esempio di come i/le cittadin* nigerian* devono continuamente salvarsi la pelle da sol*.

È giunto il momento di fare un passo indietro e stare ad ascoltare quello che hanno da dire le ragazze scampate ai rapimenti, le famiglie, gli intellettuali e i professionisti in prima linea in questa crisi.

“Come succede in molti altri casi in Nigeria, ogni comunità deve arrangiarsi da sola” scrive Alexander Okeowo, giornalista di stanza in Lagos. “Per un certo periodo dopo il rapimento, alcune ragazze sono ritornate in città di nascosto – alcune gettandosi giù dai camion, altre svignandosela mentre andavano a prendere dell’acqua. Questi ritorni si sono interrotti”.

Okeowo prosegue riferendo le preoccupazioni di un pastore della chiesa di Chibok, ritornato a mani vuote dalla ricerca delle ragazze scomparse, una delle quali è sua figlia: “Non so davvero cosa stia facendo il governo federale al riguardo. E qui non ci sono forze dell’ordine che ci difendano. Devi fare ciò che puoi per salvarti la vita”.

Queste voci sono state soffocate da un coro di mezzibusti che si sono intromessi nella storia, con le loro priorità e le loro critiche personali all’Occidente.

Nick Cohen, giornalista dell’Observer, sostiene che “parti della stampa” stiano giustificando Boko Haram non volendo etichettare i rapimenti come schiavizzazioni, e cercando di parlare dell’origine delle insurrezioni. Sostiene inoltre che alcuni “giornali di sinistra” abbiano dato inizio alla tendenza apologetica nel tentativo di coinvolgere criticamente il gruppo.

Cohen dà la colpa ad una certa ossessione dell’Occidente, il quale crede al tempo stesso che la propria forza militare possa curare ogni male, e che le proprie politiche siano responsabili per ognuno di essi.

Ma il pezzo critico di Cohen, anziché affrontare la complessità di Boko Haram e la necessità di un maggiore sdegno internazionale, mette in atto la stessa ossessione che sta criticando.

Ancora più problematiche sono le riflessioni giornalistiche che contengono quello stesso occidentalismo e non forniscono alcun approfondimento della complessità del conflitto tra Boko Haram e il governo nigeriano, mentre non fanno che lanciare appelli morali all’azione.

Sul Guardian, Rhiannon Lucy Cosslett (co-fondatrice del progetto Vagenda), scrive che il vero problema per le famiglie delle ragazze scomparse da settimane, che potrebbero essere state vendute come schiave, è che le femministe occidentali non sono abbastanza coinvolte.

“Come femministe, abbiamo il dovere di essere solidali con queste ragazze, le loro madri e i loro padri”, scrive Cosslett. In buona sostanza, la sua idea di solidarietà è fare leva sull’influenza delle donne bianche nei social media per promuovere #BringBackOurGirls e fare pressione sui governi occidentali affinché intervengano. Nessuna considerazione del fatto che le donne della Nigeria, che sono uno dei gruppi più attivi su Twitter in tutto il continente africano, hanno già usato loro stesse l’hashtag, così come hanno fatto una marcia fino alla capitale per reclamare l’intervento del governo, malgrado le velate minacce alla loro sicurezza personale e gli arresti ingiustificati.

Cosslett continua a desiderare ardentemente che “queste ragazze” abbiano “le nostre libertà” per combattere quelle piccole battaglie femministe tanto incisive in Occidente, e conclude con il pensiero alquanto incongruente che re-tweettare non è abbastanza, ma la buona vecchia liberazione femminista lo è. Perché, per Cosslett, ciò che importa è che le ragazze possano chiacchierare tranquillamente alla fermata dell’autobus, proprio come lei, non che un gruppo militante si sia infiltrato in quasi tutti gli ambiti di una società e di un governo.

Anche Nicholas Kristof, profeta ufficiale del New York Times, conferma la tendenza a fare descrizioni a grandi linee, raccontando una storia che ci è molto familiare: che l’attacco è all’istruzione delle ragazze e che un intervento dell’Occidente non solo è necessario, ma viene richiesto dalle stesse famiglie delle vittime.

Mentre è vero che alcuni familiari delle ragazze rapite e alcune voci nigeriane importanti, come il Nobel Wole Soyinka, hanno dichiarato che il paese ha bisogno di un intervento internazionale, il fatto che ciò avvenga – specialmente attraverso l’attivismo online fatto di “mi piace” e incentrato sul femminismo liberale e il diritto all’educazione femminile – comporta una serie di conseguenze.

Lo scrittore e giornalista nigeriano-americano Teju Cole ha giustamente tweettato:

“Capisco l’impulso a ‘fare qualcosa’. Ma Boko Haram è di una complessità irriducibile. In confronto, Kony [capo dei guerriglieri ugandesi, ndt] fa giochi da bambini” . http://t.co/Vv3pYiycqK — Teju Cole (@tejucole) 3 maggio, 2014

“Storicamente, per l’esercito nigeriano, ‘fare qualcosa’ contro Boko Haram ha significato uccisioni civili di massa.” http://t.co/TRwpkc3toN — Teju Cole (@tejucole) 3 maggio, 2014

“È difficile discutere di queste cose perché noi siamo i buoni e a noi queste cose stanno a cuore. Non vogliamo essere interrotti durante il fervore dei nostri hahstag”. — Teju Cole (@tejucole) 3 maggio, 2014

Questa è una storia che riguarda queste ragazze – i loro nomi, il loro bisogno di istruzione, le loro famiglie disperate e un governo passivo e inaffidabile che le ha abbandonate – e al tempo stesso non riguarda affatto loro, ma la corruzione e l’inefficacia che ha reso la lotta contro Boko Haram inimmaginabile e disastrosa, il rifiuto del governo di ammettere la propria responsabilità, e le tattiche di rapimento, stupro e matrimonio forzato che vengono continuamente utilizzate nei conflitti militari perché il mondo finora non le ha condannate in modo immediato e assoluto.

Ciò che di sicuro non ha a che fare con questa storia sono le piattaforme politiche di quest* opinionist* occidentali.

Annunci

4 pensieri su “I media non ce la raccontano giusta sulle ragazze rapite in Nigeria: traduzione a 4 mani su #BringBackOurGirls

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...